Bestiario

Ma quanti frammenti ha un mosaico? Si,bisogna immaginare un mosaico con tanti
pezzettini piccolissimi, tanti quanti sono le stelle: la sera noi, affacciate dalla finestra
della foresteria guardiamo il cielo sopra al campanone riascoltando le interviste : dai
nastri registrati briciole di meteore, scie di comete, scorie di esplosioni, lune e pianeti
che compongono una costellazione.
E più gruppi di costellazioni formano una galassia. Vista da qui ha una forma si
direbbe… È quella del festival. Non è facile dire che forma è perché muta con il mutare
del mondo…un camaleonte,sì…! Che ha mille e mille forme..si mimetizza e si trasforma,
però è sempre lì..!
O forse un serpente che disegna vie, percorsi strani abitati lungo le scalette di
Santarcangelo, avvolge le sue spire nelle notti d’estate profumate dai fiori di cappero che
crescono nelle mura del paese vecchio…
Ma ecco che nel buio della memoria , e nella notte scura e limpida di ottobre muta
ancora.. è già un giaguaro pronto a graffiare
col riso sornione dell’avanguardia.. si affila beato tra i denti l’artiglio del prossimo
scandalo che scaglierà.

Untitled_30102018_131701004(2)
Camilla Pizzichillo

Sta un po’ nascosto ma non si lascia sottomettere: “Già”..pensa “non si può essere
sempre preda..a volte, occorre senza cattiveria anche essere un po’ carnefici…e
aggredire le situazioni per difendere che quel che si è, vale qualcosa..”
Ma non stateci troppo a pensare che cambia giá, ed è una mite farfalla che vola alta e
leggera e libera sopra gli scandali ed i ciaccottii dei giornali, della gente nei bar, ha colori
bellissimi: quelli della libertà. Muore – e si rinnova! ad ogni stagione!
…dal bozzolo della vestaglia di bruco in cui sta avvoltolata tutto l’inverno, con un balzo è
pronta a donarsi al gioco dello spettacolo, come una tigre, un leone, una pantera: a
schiena snodata….a pancia rotoloni con gli occhi di un cane, fido e giocherellone, che senti accanto anche se non lo vedi. Un boxer, ma femmina: si affeziona alle persone con cui sta.
E’ incredibile: le stelle sopra al cielo del festival continuano a disegnare costellazioni..a
quest’ora fuori c’è solo il vento, noi incredule stiamo col naso all’insú…c’è chi giura che a
guardarle bene una notte ha visto il volto del diavolo..chi quello di una creatura
mitologica, potente e benefica col corpo di cane ed il muso di drago..chi ancora ha visto
più animali insieme a comporne uno, come il teatro è un insieme di tante cose.
I nastri sbobinati ci riportano ai mille giri della giornata, alle interviste e ai contatti in cui
uno ci manda da uno che ci manda da un altro e via giù per le reti tentacolari di relazioni
che si dipanano dal polipo del festival, tessuto neurale espanso che emana da un unico
cuore. Ma non lo si può imbrigliare nel retino di una definizione, ché lui sfugge e già
sgambetta allegro come una lepre, furbo sa correre..e ascoltare con le sue lunghe
orecchie…ma ci pare quasi di scorgere sul campanile una bestia grossa, un elefante, solido e concreto come le tradizioni, dalle rughe antiche come Santarcangelo di cipolle e di pietre, che stringe con la proboscide un mazzo di palloncini colorati che lo portano
su,su..più in alto del campanone, tra le stelle più famose, allegro con le orecchie al
vento, la grazia di una libellula, è sulla bocca di tutti…e ormai non lo sappiamo nemmeno più se è il festival o noi che zampettiamo da un vicolo all’altro con registratori pelosetti in mano come orecchie spalancate, che sgattaioliamo sotto i banchi del mercato o sgrufoliamo in qualche piadineria…tutt’uno col vortice di questo zoo casalingo ed esotico – di sicuro magico – di Santarcangelo.

Alice Bologna

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...